Chi siamoLaREA FVGGoriziaPordenoneTriesteVisionario
Mediatecambiente.it

Mediatecambiente al Festival Cinemambiente Torino

CINEMAMBIENTE MEDIA

Mediatecambiente al Festival Cinemambiente Torino

Nella prossima edizione del Festival Cinemambiente, una delle più importanti realtà sulla cinematografia ambientale, che si svolgerà a Torino dal 31 maggio al 5 giugno, parteciperà anche Mediatecambiente.

In particolare, il 4 giugno alle ore 19.30 al Cinema Massimo di Torino, verrà presentato BINARI, l’ultimo documentario sulla mobilità sostenibile, realizzato con la mediateca di Trieste – La Cappella Underground, che è stato selezionato nella categoria documentari italiani.

Inoltre, il 5 giugno alle 9.30 all’Auditorium Quazza – Palazzo Nuovo, ARPA FVG – LaREA presenterà il progetto Mediatecambiente, con particolare attenzione all’attività di produzione video nelle scuole, nell’ambito del Convegno Scuola Cinema e Ambiente, dove saranno presenti varie realtà che nel panorama italiano si occupano di audiovisivo e tematiche ambientali.


MA

Mediatecambiente a Torino

Nella prossima edizione del Festival Cinemambiente, una delle più importanti realtà sulla cinematografia ambientale, che si svolgerà a Torino dal 31 maggio al 5 giugno, sarà presente anche il progetto Mediatecambiente. In particolare verranno proiettati dieci spot video prodotti in questi anni con le scuole superiori del Friuli Venezia Giulia che saranno presentati nella sezione Cinemambiente Junior. Nelle giornate del Festival verrà anche presentato Binari, l’ultimo documentario sulla mobilità sostenibile, realizzato in collaborazione con La Cappella Underground, che è stato selezionato nella categoria documentari italiani.


Anteprima documentario Binari

Mercoledì 18 aprile alle ore 20.30 al cinema Ariston di Trieste, verrà presentato il documentario Binari, un progetto di ARPA FVG LaREA realizzato in collaborazione con la mediateca La Cappella Underground di Trieste.
In Binari tre storie si intrecciano, diventando un unico racconto. Katia è una pendolante e percorre ogni giorno in treno 46 Km per andare al lavoro. Pendolare per lei significa incontrare persone, ascoltare storie, leggere, incrociare sguardi e racconti, raccogliere immagini del paesaggio che solo il treno sa regalare. Per questo dal 2011 gestisce un blog che racconta la sua esperienza di pendolante.
Emilio è un insegnante, scrittore e cicloviaggiatore. Ha deciso di percorrere per la prima volta la Parenzana un’antica tratta oggi riconvertita in una delle pista ciclabili più famose e affascinanti d’Europa. Avrà così l’occasione di scoprire le terre che hanno dato i natali a sua nonna.
Michele vive e lavora a Venezia. I treni sono il suo lavoro e la sua passione. Ogni fine settimana ritorna nel suo paese originario, Solimbergo (PN), dove ha ancora la casa della famiglia. Qui ha deciso di realizzare il suo sogno: costruire un Parco Ferroviario.

Un documentario che parla di abbandono e recupero di linee ferroviarie, del treno ieri e oggi, di bici, di paesaggi e storie da valorizzare.


Trova il tuo equilibrio

Ecco l’ultimo spot della campagna Usare ma non farsi usare dedicata all’inquinamento elettromagnetico e al corretto utilizzo degli strumenti cellulari. I ragazzi della 2C dell’ITI Marconi di Staranzano hanno trovato ancora un altro modo per parlare della dipendenza da utilizzo degli smartphone, questa volta attraverso la bicicletta!


Se inquini l’ambiente

Come raccontare al grande pubblico che anche un “piccolo rifiuto”, come un mozzicone di sigaretta, se gettato a terra prima o poi crea un danno per tutti? Ci hanno pensato i ragazzi della 2 LSAC dell’I.S.I.S A. Malignani di Udine nel laboratorio audiovisivo promosso dalla mediateca Mario Quargnolo di Udine.


I’m in love with my car

Arriva in Friuli Venezia Giulia I’m in love with my car l’ultimo documentario dei registi Michele Rossi e Alessandro Mellara, un viaggio che attraverso i cinque sensi, accompagna il pubblico in una riflessione su un modello sociale, e di mobilità, ancora fondato sull’automobile. Il documentario sarà proiettato il 23 gennaio alle 20.30 al Cinema Ariston di Trieste, il 24 gennaio alle 20.30 al cinema Visionario di Udine e il 25 gennaio alle 20.45 al Cinemazero di Pordenone. Nella stessa serata verranno presentati dei prodotti audiovisivi sul tema della mobilità sostenibile realizzati da studenti delle scuole superiori nell’ambito di laboratori promossi da Mediatecambiente.


Correre…in auto

Si sono da poco conclusi i laboratori audiovisivi su tematiche ambientali realizzati in collaborazione con le mediateche del Friuli Venezia Giulia. Ecco lo spot video sulla mobilità sostenibile in ambito urbano realizzato dalla classe IV A dell’Istituto Carducci – Dante di Trieste in collaborazione con la mediateca La Cappella Underground di Trieste, un divertente non sense per rivedere il nostro modo di utilizzare la macchina.


Produttore-esecutivo-cinematografico-audiovisivo

I nuovi laboratori audiovisivi

Sono ripartiti i nuovi laboratori audiovisivi di Mediatecambiente che coinvolgeranno quattro scuole del Friuli Venezia Giulia. Gli studenti lavoreranno assieme ad esperti, nella produzione di spot video e fotografie su varie tematiche ambientali. In particolare il Liceo Scienze Umane Economico Sociale G.Carducci – D. Alighieri di Trieste produrrà uno spot video sulla mobilità sostenibile, l’Istituto Tecnico Malignani di Udine lavorerà ad uno spot sui microrifiuti in città, l’Istituto Tecnico Brignoli – Einaudi – Marconi di Staranzano realizzerà uno spot sull’inquinamento elettromagnetico da smartphone e tablet e per finire, l’Istituto economico Marchesini di Sacile racconterà, attraverso la fotografia, gli aspetti più interessanti della mobilità sostenibile in ambito urbano.


Dusk-Chorus

Future Environment 2017

Il nucleare a fusione può essere una delle soluzioni per soddisfare la domanda di energia a livello mondiale?
Come salvaguardare il “patrimonio sonoro” della biodiversità?
Ruotano attorno a queste domande i due eventi che al Festival della Fantascienza saranno dedicati al futuro sostenibile del Pianeta.

In particolare, la proiezione del documentario Let there be light, alla presenza del regista canadese Mila Aung-Thwin e dell’esperto di energia Roberto Rizzo, sarà l’occasione per capire se una tecnologia che cerca di riprodurre quello che naturalmente accade nel Sole, la fusione nucleare appunto, possa essere veramente una fonte d’energia a basso impatto ambientale, economicamente vantaggiosa e accessibile a tutti.
La proiezione del documentario italiano Dusk Chorus e l’incontro con David Monacchi, compositore e sound designer, ideatore del progetto Fragments of Extinction, accompagnerà invece il pubblico alla scoperta dell’”impronta sonora” della biodiversità. Sarà un’occasione unica per ascoltare in sala tracce audio registrate nelle zone più remote della Terra come Amazzonia, Africa e Borneo e capire qual è l’impatto dell’attività umana sulla bellezza sonora degli ecosistemi naturali.


FB 16-9

I film della Settimana per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile

Dal 16 al 22 ottobre ritorna la Settimana per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile e si rinnova l’appuntamento con il cinema ambientale, soprattutto in occasione del decennale di Mediatecambiente. In particolare a Trieste, in occasione del festival S/paesati, si rifletterà sul tema immigrazione e sostenibilità ambientale con la proiezione del documentario spagnolo Walls di Pablo Iraburu, Migueltxo Molina, commentato dall’antropologa Roberta Altin.
Verrà proiettato a Trieste, Gorizia e Monfalcone, Océans, le mystère plastique di Vincent Perazio, documentario francese dedicato al problema dell’inquinamento dei mari da microplastiche che sarà illustrato da un gruppo di esperti dell’ARPA FVG impegnati nel progetto europeo Marine Strategy.
A Udine, come da tradizione, ci sarà spazio per il cinema d’oriente, con Plastic China di Jiu-liang Wang, vincitore dell’ultima edizione del festival Cinemambiente di Torino, mentre per le scuole, sempre a Udine, verrà proiettato Before the flood, l’ultimo documentario sul climate change, voluto e interpretato da Leonardo DiCaprio.
Infine, a Pordenone, nella nuove sale di Cinemazero, sarà presentato il film Mundiya Kepanga, the voice of the forest di Marc Dozier e Luc Marescot, ritratto delicato e coinvolgente di un capo tribù Huli che dalla Papua Nuova Guinea invita la comunità internazionale a riflettere sul pericolo della deforestazione.
Per tutti le informazioni vedi il programma degli eventi.