Chi siamoLaREA FVGGoriziaPordenoneTriesteVisionario
Mediatecambiente.it

All posts in news

Produttore-esecutivo-cinematografico-audiovisivo

Sono ripartiti i nuovi laboratori audiovisivi di Mediatecambiente che coinvolgeranno quattro scuole del Friuli Venezia Giulia. Gli studenti lavoreranno assieme ad esperti, nella produzione di spot video e fotografie su varie tematiche ambientali. In particolare il Liceo Scienze Umane Economico Sociale G.Carducci – D. Alighieri di Trieste produrrà uno spot video sulla mobilità sostenibile, l’Istituto Tecnico Malignani di Udine lavorerà ad uno spot sui microrifiuti in città, l’Istituto Tecnico Brignoli – Einaudi – Marconi di Staranzano realizzerà uno spot sull’inquinamento elettromagnetico da smartphone e tablet e per finire, l’Istituto economico Marchesini di Sacile racconterà, attraverso la fotografia, gli aspetti più interessanti della mobilità sostenibile in ambito urbano.


Dusk-Chorus

Il nucleare a fusione può essere una delle soluzioni per soddisfare la domanda di energia a livello mondiale?
Come salvaguardare il “patrimonio sonoro” della biodiversità?
Ruotano attorno a queste domande i due eventi che al Festival della Fantascienza saranno dedicati al futuro sostenibile del Pianeta.

In particolare, la proiezione del documentario Let there be light, alla presenza del regista canadese Mila Aung-Thwin e dell’esperto di energia Roberto Rizzo, sarà l’occasione per capire se una tecnologia che cerca di riprodurre quello che naturalmente accade nel Sole, la fusione nucleare appunto, possa essere veramente una fonte d’energia a basso impatto ambientale, economicamente vantaggiosa e accessibile a tutti.
La proiezione del documentario italiano Dusk Chorus e l’incontro con David Monacchi, compositore e sound designer, ideatore del progetto Fragments of Extinction, accompagnerà invece il pubblico alla scoperta dell’”impronta sonora” della biodiversità. Sarà un’occasione unica per ascoltare in sala tracce audio registrate nelle zone più remote della Terra come Amazzonia, Africa e Borneo e capire qual è l’impatto dell’attività umana sulla bellezza sonora degli ecosistemi naturali.


FB 16-9

Dal 16 al 22 ottobre ritorna la Settimana per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile e si rinnova l’appuntamento con il cinema ambientale, soprattutto in occasione del decennale di Mediatecambiente. In particolare a Trieste, in occasione del festival S/paesati, si rifletterà sul tema immigrazione e sostenibilità ambientale con la proiezione del documentario spagnolo Walls di Pablo Iraburu, Migueltxo Molina, commentato dall’antropologa Roberta Altin.
Verrà proiettato a Trieste, Gorizia e Monfalcone, Océans, le mystère plastique di Vincent Perazio, documentario francese dedicato al problema dell’inquinamento dei mari da microplastiche che sarà illustrato da un gruppo di esperti dell’ARPA FVG impegnati nel progetto europeo Marine Strategy.
A Udine, come da tradizione, ci sarà spazio per il cinema d’oriente, con Plastic China di Jiu-liang Wang, vincitore dell’ultima edizione del festival Cinemambiente di Torino, mentre per le scuole, sempre a Udine, verrà proiettato Before the flood, l’ultimo documentario sul climate change, voluto e interpretato da Leonardo DiCaprio.
Infine, a Pordenone, nella nuove sale di Cinemazero, sarà presentato il film Mundiya Kepanga, the voice of the forest di Marc Dozier e Luc Marescot, ritratto delicato e coinvolgente di un capo tribù Huli che dalla Papua Nuova Guinea invita la comunità internazionale a riflettere sul pericolo della deforestazione.
Per tutti le informazioni vedi il programma degli eventi.


Continua la produzione di spot video di Mediatecambiente.
La quarta edizione del laboratorio Ambiente Cinema, promosso da FMK – International Short Film Festival di Cinemazero Pordenone, si è concentrata sul problema dei “microrifiuti” in ambito urbano, con particolare attenzione all’abbandono dei mozziconi di sigaretta. I partecipanti hanno scelto un aspetto legato alla tematica ambientale, per sviluppare un’idea e trasformarla in un video, legando così nozioni tecniche del montaggio audiovisivo (curate dal videomaker Diego Cenetiempo), all’approfondimento della tematica ambientale con Paolo Fedrigo del LaREA – ARPA FVG.


La rete di Mediatecambiente è al lavoro per la selezione di nuovi film da proporre in FVG.
Tra i titoli che stiamo rincorrendo ci sono le pellicole premiate al festival Cinemambiente di Torino come Plastic China di Jiu-liang Wang documentario sulla storia di una famiglia che ruota attorno al riciclo della plastica e Frágil Equilibrio di Guillermo García López con l’intervista a Pepe Mujica. Un altro titolo potrebbe essere Landfill Harmonic di Brad Allgood e Graham Townsley sull’incredibile storia dell’orchestra che nasce da una delle più grandi discariche di rifiuti del Paraguay. Per finire, dovrebbe arrivare in Italia a fine settembre An Inconvenient Sequel: Truth to Power, il sequel di Una scomoda verità di Al Gore.


cinemambiente

Si svolgerà a Torino dal 31 maggio al 5 giugno la ventesima edizione di Cinemambiente Torino, uno dei festival più importanti a livello internazionale sul cinema ambientale. Come sempre a Torino verranno presentate le ultime novità audiovisive per quel che riguarda film, documentari, corti e spot. Mediatecambiente seguirà Cinemambiente, come altri festival internazionali, per selezionare i film da proporre in Friuli Venezia Giulia. Per le informazioni sul programma si veda www.cinemambiente.it


Martedì 9 maggio, nell’ambito della rassegna Biomovies, alle 20.30 al Cinema Visionario di Udine sarà proiettato Before the Flood (Usa, 2016) l’ultimo film prodotto e interpretato da Leonardo DiCaprio.
Il film del regista premio Oscar Fisher Stevens presenta un affascinante resoconto sui drammatici mutamenti che si verificano oggi in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici, assieme a ciò che tutti noi, come individui e come società, possiamo fare per prevenire una fine catastrofica della vita sul nostro pianeta. Il film-documentario segue Di Caprio nel suo viaggio lungo i cinque continenti fino al Circolo Polare Artico, con interviste ai grandi scienziati, incontri con i più importanti leader mondiali, attivisti e residenti locali per acquisire una più profonda comprensione di questo problema complesso e indagare soluzioni concrete per la sfida ambientale più urgente del nostro tempo.


voci-dell-inchiesta_12080

Al via la decima edizione del festival Le voci dell’inchiesta (Pordenone 5-9 aprile) e si rinnova anche quest’anno la collaborazione tra Cinemazero e il LaREA ARPA FVG per proporre delle proiezioni cinematografiche sui temi ambientali.
In particolare, venerdì 7 aprile alle ore 9.30 nelle sale di Cinemazero sarà proiettato il documentario Seed – The Untold story di Jon Betz e Taggart Siegel, dedicato al recupero delle antiche sementi, al quale seguirà un incontro con Paolo Fedrigo dell’ARPA FVG ed Enrico Tuzzi del Molino Tuzzi di Dolegna del Collio, dove da alcuni anni è stato avviato il Patto della Farina, una rete che lega produttori, trasformatori e consumatori alla riscoperta e valorizzazione dei semi antichi del Friuli Venezia Giulia.
Si parlerà di acqua sabato 8 aprile alle ore 9.30, con la proiezione di There will be water di Per Liebeck, documentario che racconta il sogno di trasformare l’acqua in energia nel mezzo del deserto attraverso il progetto Sahara Forest. A seguire interverranno l’economista Luciano Canova e Daniele Della Toffola dell’ARPA FVG.


È giunto alla terza edizione il laboratorio AmbienteCinema promosso FMK – International Short Film Festival e ARPA FVG – LaREA (Laboratorio Regionale di Educazione Ambientale).
Dopo le esperienze degli scorsi anni incentrate sull’inquinamento elettromagnetico e sulla mobilità quest’anno si è lavorato sul tema dell’acqua. I partecipanti si sono cimentati nella stesura della sceneggiatura e successivamente nella pratica della produzione di un spot ambientale su questo complesso tema.
Il laboratorio è stato curato dal regista Diego Cenetiempo (La Cappella Underground) e da Paolo Fedrigo (ARPA FVG – LaREA).


settimana-2016

Dal 21 al 27 novembre si svolgerà in Friuli Venezia Giulia la Settimana per l’educazione allo sviluppo sostenibile e tra i vari eventi in programma ritorna anche il cinema ambientale.
A Trieste e a Pordenone verrà proiettato GhostLand di di Simon Stadler. Il documentario tedesco descrive a modo suo le “rotte” e la vita di uno dei popoli più antichi del Pianeta, i boscimani Ju/’Hoansi del deserto del Kalahari. Dal 1990, quando il governo della Namibia ha vietato per legge la caccia a scopo alimentare, la vita dei Ju/’Hoansi è profondamente cambiata e oggi sono costretti a sopravvivere grazie alle poche sovvenzioni governative e alla scarsa generosità dei turisti più avventurosi. Da qui inizia un viaggio in compagnia di un gruppo di Ju/’Hoansi alla scoperta del mondo degli “altri”, che dalla Namibia ci porterà in Germania, nel cosiddetto “mondo sviluppato”. A Gorizia, Monfalcone e Udine sarà invece proiettato Domani di Cyril Dion e Mélanie Laurent. Un documentario on the road, nel quale un gruppo di videomaker attraversa parte dell’Europa e degli Stati Uniti e approda fino in India e all’isola della Réunion, alla ricerca degli esempi e progetti virtuosi di agricoltura urbana, energia rinnovabile, economia locale, democrazia e istruzione. Dopo il successo in Francia, il documentario di Cyril Dion, Mélanie Laurent, vuol essere un messaggio di speranza anche per il pubblico italiano. Per finire, torna in regione uno dei più importanti documentari ambientali, WasteLand di Lucy Walker che sarà proiettato a Romans d’Isonzo e ad Aurisina. La storia di Waste Land si svolge nella più grande discarica di rifiuti del mondo nella periferia di Rio de Janero dove, giorno e notte, lavorano migliaia di catadores, uomini, donne e bambini che fanno la raccolta differenziata a mani nude. Nella discarica un giorno arriva Vik Muniz, famoso artista d’arte contemporanea, brasiliano di San Paolo, che dopo aver trovato il successo negli Stati Uniti, decide di tornare nel suo paese natale per realizzare un’opera d’arte con la spazzatura. Muniz conoscerà da vicino i raccoglitori di rifiuti e colpito dalla loro umanità e innocenza, decide di trasformare la sua opera d’arte in un progetto umanitario. Per scoprire date e orari si veda il programma della Settimana.