Chi siamoLaREA FVGGoriziaPordenoneTriesteVisionario
Mediatecambiente.it

All posts in schede film

DaudaDauda e la miniera d’oro
[Burkina Faso/Italia, 2001, 17’]
Rasò Ganemtorè

Dauda ha dodici anni e fa parte di una squadra di ragazzi costretti a cercare l’oro in una miniera. Quando l’orrore quotidiano è terminato, si allontana dai suoi compagni, sfiniti dalla fatica, per inoltrarsi nella savana. Soltanto al calar del sole, Dauda, con il cuore finalmente leggero, potrà sognare un luogo incantato dove il buio non esiste.

Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


600full-food-savers-posterFood Savers
[Germania, 2013, 44’]
Valentin Thurn

In un mondo, come quello occidentale, in cui lo spreco di risorse è un’emergenza sempre più attuale, c’è chi combatte la propria battaglia per recuperare quella considerazione del cibo andata via via scomparendo, sono i Food Savers, i risparmiatori di cibo. Agricoltori, direttori di supermercati, cuochi o semplici casalinghe sono i protagonisti del nuovo documentario del regista tedesco Valentin Thurn che dopo Taste the Waste, torna a interrogarsi su un tema centrale del dibattito ambientale contemporaneo come quello dello spreco alimentare.

Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


BodyPart-600x600Un paese di Primule e Caserme
[Italia, 2014]
Diego Clericuzio

Fino agli anni ’90 lo sviluppo del nord est d’Italia è stato condizionato dalla massiccia presenza di strutture e servitù militari. Dopo la caduta del muro di Berlino, nel 1989, l’apertura delle frontiere con la Slovenia nel 2004 e la fine della leva obbligatoria, questi territori sono stati lentamente abbandonati dall’esercito italiano. Un anno dopo l’altro, gran parte delle caserme sono state chiuse e solo in Friuli Venezia Giulia sono più di 400 i beni abbandonati tra ex caserme, arsenali, depositi, ospedali, basi, poligoni, polveriere, alloggi dell’esercito. Qual è l’impatto sociale, ambientale ed economico del sistema militare? Come riutilizzare questi spazi?

Consigliato per: scuole superiori, pubblico


light-bulbconspiracydocu_poster_492_709The light bulb conspiracy
[Spagna/Francia, 2010, 75’]
Cosima Dannoritzer

Esiste realmente un lampadina che dura per sempre? E perché si preferisce
eliminare un computer o un telefono cellulare che non funziona piuttosto che ripararlo? La risposta a entrambi i quesiti è da ricercarsi nella scadenza pianificata, una strategia aziendale che garantisce un consumo sempre crescente. Grazie a rari filmati d’archivio e documenti del tutto inediti, si traccia così la storia di questa logica
di mercato teorizzata negli anni Venti, dal pesante impatto
ambientale.
Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


Flyer_Edward_Burtynsky_Watermark_Arthouse_Le_Paris_130614Watermark
[Canada, 2013, 92’]
Jennifer Baichwal, Edward Burtynsky

Dopo Manufactured Landscapes, il fotografo canadese Edward Burtynsky e la documentarista Jennifer Baichwal si ritrovano in Watermark per esplorare
la relazione fra l’uomo e l’acqua “immergendo” lo spettatore, in una delle più straordinarie meraviglie della natura. Un viaggio sensoriale per scoprire l’acqua nei luoghi più diversi del pianeta.
Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


Food Inc
[2008, USA, 94’]
Robert Kenner

Un documentario sulla produzione alimentare a larga scala, con particolare riferimento alla realtà degli Stati Uniti. La prima parte è dedicata all’industria della carne, definita disumana, crudele con gli animali, economicamente e ambientalmente insostenibile. Nella seconda parte si parla invece della produzione di cereali e verdure (soprattutto mais e fagioli di soia) mentre nel segmento finale viene approfondito l’aspetto del potere economico e giuridico, come ad esempio i profitti basati sulla fornitura di cibo a buon mercato ma contaminato, l’uso massiccio di sostanze chimiche derivate dal petrolio (in gran parte pesticidi e fertilizzanti) e la promozione, nei confronti dei cittadini, di abitudini malsane di consumo alimentare.
Consigliato per: scuole superiori, pubblico


No Impact Man
[USA, 2009, 93’]
Laura Gabbert

No Impact man della regista Laura Gabbert, presentato al Saudance Festival nel 2009 è uno dei primi docu-reality sui temi ambientali. Le telecamere sono entrate nella casa di una famiglia americana di New York: la famiglia Colin. Mamma, papà e figlioletta di 18 mesi hanno deciso di abbattere il più possibile il loro impatto ambientale. Di giorno in giorno cercheranno di ridurre il più possibile i rifiuti e il consumo d’energia, di viaggiare con mezzi pubblici, mangiare cibo di produzione locale e tanto altro ancora per una vita a impatto zero.
Consigliato per: scuole superiori, pubblico


Chasing Ice
[USA, 2012, 74’]
Jeff Orlowski

È la storia di un’avventura, quella del fotografo James Balog che nel 2005 venne incaricato dal National Geographic di costruire un servizio sul climate change. Balog partì così per la più dura spedizione della sua vita: l’Extreme Ice Survey. Con un gruppo di giovani coraggiosi decise di raggiungere i posti più selvaggi e impervi dove lasciare delle macchine fotografiche e raccogliere per mesi immagini dello scioglimento dei ghiacci. Grazie alla tecnica di montaggio time-lapse, Balog riuscì a creare dei video che in pochi secondi racchiudevano anni di sacrificio e un’avventura senza precedenti. Un documentario che attraverso la bellezza delle immagini è capace di parlare in modo affascinante della scomparsa dei ghiacci e dei cambiamenti climatici in corso.
Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


God save the green
[Italia, 2013, 75’]
Michele Mellara, Alessandro Rossi

Dall’ultimo giardino in uno dei più popolati quartieri di Casablaca in Marocco alle coltivazioni idroponiche gestite da un gruppo di donne a Teresina in Brasile, dagli orti comunitari a Berlino alle coltivazioni all’interno di sacchi nella bidonville di Nairobi in Kenya, fino ai giardini pensili a Torino e Bologna. Un mosaico di storie per raccontare un mondo che sta riscoprendo l’importanza del verde urbano e il bisogno degli uomini di immergere le mani nelle zolle di terra ritrovando così un rapporto autentico con la natura.
Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico


Home
[Francia, 2009, 120’]
Yann Arthus-Bertrand

Un viaggio attraverso immagini aeree di una bellezza straordinaria, per scoprire la ricchezza e la fragilità del nostro pianeta e allo stesso tempo riflettere su quello che potremmo fare per limitare il nostro impatto ambientale. Dall’Amazzonia a Dubai, passando per Tokyo, Las Vegas, New York fino all’Antartide, Polo Nord, Africa e tante altre realtà a confronto. Il documentario Home, prodotto da Luc Besson, è stato realizzato in occasione dell’Earth Day 2009, quando è stato proiettato contemporaneamente nelle sale cinematografiche di cinquanta paesi diversi. Un’esperienza sensoriale da non perdere, un film dove a parlare sono le immagini.
Consigliato per: scuole medie, superiori, pubblico